Interviste

Saro Trovato ci racconta come è nato Il Pendolibro

Scritto da Tonia

Come è nata l’idea del Pendolibro?

L’intero progetto di Libreriamo nasce con l’obiettivo di diffondere sempre più tra le persone l’amore per i libri e la lettura. In un’Italia dove si legge poco, il nostro intento è far capire che i libri non sono qualcosa di distante dalla nostre vite, un bene che interessa soltanto ai cosiddetti intellettuali e “professoroni”, ma un patrimonio collettivo in cui si trovano le risposte a tanti mali che affliggono il nostro Paese, un patrimonio di cui tutti si devono riappropriare. In sintonia con questo spirito, abbiamo voluto coinvolgere gli italiani nel progetto di scrittura collettiva di un ebook che parlasse di loro, di cui loro stessi fossero i protagonisti, da distribuire poi gratuitamente attraverso la rete. Volevamo trattare un tema che li riguardasse da vicino, e il pendolarismo ci è sembrato subito fare al caso nostro, visto il numero sempre crescente di italiani che ogni giorno si mettono in viaggio per raggiungere il posto di lavoro o studio.

Chi sono gli autori dei racconti?

Gli autori dei racconti sono persone comuni, non grandi scrittori, ma italiani di ogni provenienza, di diverse età e professioni, giovani studenti e lavoratori meno giovani, uomini e donne. Sono un campione del popolo dei pendolari, costretti quotidianamente ad affrontare ore in treno, bus, metro o aereo, a sopportare ritardi e disagi, a montare in carrozze sovraffollate e spesso sporche, magari senza aria condizionata o riscaldamento. Ma il viaggio è per loro anche l’occasione per fare incontri, sognare e sospendere per un attimo la routine quotidiana – un momento magico. Di tutto questo ci parlano nel libro, perché, per la prima volta, è a loro che viene data la parola.

Al Pendolibro, con nostro grande piacere, ha voluto partecipare anche uno scrittore affermato, finalista al Premio Strega di quest’anno: Paolo Di Paolo, che ne ha scritto l’introduzione.

Il Pendolibro sfrutta le tendenze attuali della rete: il crowdsourcing, il booksharing, il bookcrossing e il self publishing. Un’antologia figlia del web 2.0. Il pendolibro può essere immaginato senza web 2.0? Che ruolo hanno i nuovi media e i social network in questa antologia?

Hanno avuto un ruolo essenziale, di certo il Pendolibro non avrebbe visto la luce senza l’ausilio dei nuovi media. Sia perché questi sono stati il veicolo attraverso cui l’ebook si è fisicamente – o sarebbe meglio dire “virtualmente” – concretizzato, sia perché la rete, con il suo modello di libera condivisione, ha ispirato l’idea stessa del Pendolibro.

Crediamo però che le nuove tecnologie continuino ad avere bisogno della collaborazione con il “mondo off line”, in un rapporto di reciproco sostegno.

Non bisogna dimenticare quello che sta dietro alle tecnologie: le persone. Il Pendolibro 2013 è soprattutto figlio dei suoi numerosi autori, di tutti coloro che hanno voluto mandarci i loro racconti e anche di chi ci ha aiutato a diffondere la notizia dell’iniziativa attraverso la carta stampata.

L’antologia racconta il viaggio come metafora della vita e come occasione che può modificare le nostre vite. Il suo viaggio preferito dell’antologia? Quello che sente più vicino a lei?

Non voglio citarne uno in particolare, sono davvero molto colpito dall’originalità e dall’entusiasmo mostrato da tutti i partecipanti.

Il mio consiglio è di leggerli tutti, dal primo all’ultimo: è l’occasione per sentirsi proiettati in tante vite e tanti viaggi diversi dai nostri, eppure, in un certo senso, simili.

L’editoria vive un momento di transizione. Gli ebook e i lettori digitali sono in crescita. Basta guardarsi intorno mentre si viaggia e si scoprono sempre più persone a leggere libri attraverso tablet e ereader. Quale crede sarà il futuro dell’editoria? Che ruolo avranno i social media nell’editoria?

Credo che i social media avranno un ruolo sempre più importante, che verrà però ad affiancarsi a quello dell’editoria tradizionale.

Continueranno – e dovranno continuare a esistere – libri di grandi autori, diffusi sia attraverso i volumi cartacei, a cui nessuno vuole rinunciare, sia in formato digitale. E a questi si affiancheranno anche libri di nuovo genere, nati da nuove esperienze narrative rese possibili dalla rete, come il Pendolibro.

Chiudiamo le nostre interviste con due domande di rito. La frase che le è piaciuto di più scrivere, leggere o ascoltare.

Anche in questo caso, non ce n’è una che mi sia piaciuta più delle altre. Vorrei però citare Paolo Di Paolo, che nell’introduzione, parlando dei racconti qui raccolti dice che vi si trovano ” Storie di ogni tipo – dolci, divertenti, amarognole, surreali e iperrealistiche. Con personaggi a cui, spostandosi, accade l’imprevisto: magari minuscolo, ma basta a mutare di segno una giornata”.

È quello che ci auguriamo di regalare ai lettori con questo ebook: un piccolo, piacevole imprevisto che possa cambiare un poco il loro viaggio e la loro giornata.

Un messaggio ai lettori di Connessioni Letterarie…

Leggete, leggete e amate i libri più che potete: sono ottimi compagni per tutti i vostri viaggi, metaforici e non. Se in Italia si leggesse di più e si desse più importanza alla cultura, aumenterebbe il senso civico di questa nazione.

Tonia Zito

epub_logo pendolibro 2013 (formato epub)  Per Tablet ed E-book reader

pdf-iconpendolibro 2013 (formato pdf) per Desktop e Tablet

mobipendolibro 2013 (formato mobi x Kindle)

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Utilizziamo i cookie di terze parti per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi