Recensioni

Eleanor Holiphant sta benissimo

Scritto da Tonia

Le recensioni di Connessioni Letterarie

Eleanor Holiphant sta benissimo è stato definito dal Guardian come un fenomeno che ha dato vita a un nuovo genere letterario, letteratura “up lit” o “uplifting”, ovvero edificante, all’insegna dei buoni sentimenti.

Trent’anni, laureata in lettere classiche Eleanor ha una vita monotona e abitudinaria. Lavora da nove anni in uno studio di graphic design e si occupa di fatture e note di credito. La sua vita scorre regolare, dal lunedì al venerdì passa la maggior parte della sua giornata in ufficio, impiega la sua pausa pranzo facendo le parole crociate, il mercoledì sente sua madre sempre alla stessa ora e per qualche minuto la sua tranquillità viene minata. Il fine settimana ama trascorrerlo da sola, in compagnia di una bottiglia di vodka che diluisce durante il weekend per essere allegra ma mai ubriaca.

Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: sto benissimo.
Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate. Poi torno a casa e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene.
Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata di mia madre. Mi chiama dalla prigione. Dopo averla sentita, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto.
E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo.
O così credevo, fino a oggi.
Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E all’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie paure, non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene.
Anzi: benissimo.

Eleanor si presenta al al lettore come una donna sì schietta ma a volte gratuita nelle sue manifestazioni di sincerità. Asociale e poco incline alle relazioni inizierà a percepire che qualcosa non va nel suo modo di stare al mondo quando si catapulterà nella vita mondana per conquistare un cantante di cui si è invaghita durante un concerto. L’incontro la spingerà ad avere maggior cura di se stessa costringendola a cambiare look, a provare a gestire diversamente le sue relazioni. Nel frattempo per motivi di lavoro entrerà in contatto con Raymond Gibbons, un collega dell’helpdesk, un nerd dall’aspetto opinabile che riuscirà con la sua spontaneità a crearsi uno spazio nella vita di questa giovane donna. Sarà proprio questa amicizia che le darà l’opportunità di raccontarsi  e le permetterà di mettere in moto il principio del suo cambiamento.

Se all’inizio del testo la protagonista appare appare frivola e superficiale e talvolta irritante, man mano che ci addentriamo nella storia e scopriamo cosa si cela dietro il suo modo distaccato di relazionarsi al mondo, alle persone, alla fine Eleanor ci apparirà un’eroina nel suo genere, una donna che nella sua fragilità,  nella sua solitudine, è riuscita a costruire faticosamente un equilibrio che le ha permesso di andare avanti, per non lasciarsi schiacciare da un’infanzia troppo ingombrante.

Con uno stile narrativo arguto e forbito, che narra senza spiegare,  l’autrice in maniera leggera e a tratti caricaturale affronta la delicata tematica della solitudine ricordandoci che non ci sono fantasmi che non possono essere sconfitti. Un testo che dovrebbe essere letto da tutti coloro che non riescono a lasciarsi alle spalle storie difficili per suggerirgli che spesso il primo passo per uscirne fuori è parlarne.

Tonia Zito

Autore: Gail Honeyman
Titolo: Eleanor Oliphant sta benissimo
Editore: Garzanti
Anno: 2018

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Utilizziamo i cookie di terze parti per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi